Quantcast

Il Primo Maggio si rifà il trucco e punta alla mobilità sicura

Verranno infatti realizzate una zona 30 all'ora e un'isola ambientale, riqualificate le fermate dei bus e creato il collegamento ciclabile con via Dalmazia. Il costo? 300mila euro.

(red.) Il quartiere Primo Maggio si rifà il trucco e punta ad una nuova mobilità nella zona, con interventi che puntano alla sicurezza stradale.
Verranno infatti realizzate una zona 30 all’ora e un’isola ambientale, ma anche il collegamento ciclabile con via Dalmazia, come ha spiegato l’assessore alla Mobilità del Comune di Brescia Federico Manzoni, illustrando gli interventi nel quartiere cittadino che prevedono una spesa di 300mila euro, tutti finanziati dalla Loggia.
Sette le aree di intervento che riguarderanno: via Divisione Acqui, via Rose di Sotto e via Quartiere I Maggio dove verranno costruiti attraversamenti e intersezioni rialzati per i pedoni, isole salvagente, nuove fermate degli autobus,  e “strade residenziali” e “zona 30 all’ora”.

Si parte dalla realizzazione della zona 30 in via Divisione Acqui, in cui è previsto anche il “restauro” della fermata dei bus. I lavori subiranno una pausa tra dicembre e San Faustino, quindi verrà chiusa una carreggiata e sarà istituita la circolazione a traffico alternato. Da febbraio verrà creata l’intersezione rialzata davanti alla chiesa e verranno riqualificate le altre fermate degli autobus.
Il cronoprogramma dei lavori prevede, nel mese di marzo, lavori in via Rose di Sotto, ad aprile i cantieri in via Quartiere I Maggio e tra via Rose di Sotto e Passo Crocedomini , a maggio, la riqualificazione in via Divisione Acqui.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.