Quantcast

Ancora spaccio di droga all’ex Ideal Standard: preso con l’eroina

(red.) Proseguono gli interventi della Polizia Locale di Brescia contro lo spaccio di stupefacenti e contro il degrado urbano.
Giovedì 15 luglio una squadra ha arrestato un brasiliano, sorpreso a vendere eroina all’interno dell’ex complesso industriale Ideal Standard, nei pressi di via Villa Glori. Da diversi giorni gli agenti stavano svolgendo indagini sull’attività illegale svolta da un uomo di origine brasiliana dentro la fabbrica dismessa.
Nella serata del 15 luglio la pattuglia è penetrata nello stabilimento e, senza farsi notare, ha potuto osservare gli spostamenti di alcune persone dal piazzale interno verso una palazzina che fa parte del comprensorio. Poco dopo è sopraggiunto un giovane italiano che, entrato nell’edificio, ha scambiato alcune parole con il brasiliano che si trovava all’interno e gli ha consegnato delle banconote, ricevendo in cambio un involucro bianco e un pezzo di carta stagnola.
Dopo lo scambio, il giovane si è allontanato ed è stato fermato dagli uomini della Polizia Locale che gli hanno trovato addosso una confezione contenente circa un grammo di eroina.

 

La pattuglia è quindi entrata nel locale da dove l’italiano era appena uscito e ha perquisito il brasiliano, risultato dalle indagini irregolare sul territorio nazionale, e la stanza in cui si trovava.
Sopra un tavolino di legno, in un barattolo per gomme da masticare, sono state trovate due confezioni in cellophane bianco contenenti un grammo circa di eroina mentre nella borsa di proprietà del brasiliano e in alcuni libri appoggiati su uno scaffale sono state scoperte banconote per un totale di 675 euro, probabile frutto dell’attività illegale.
Nello stabile sono stati trovati, inoltre, diversi involucri di polietilene e un rotolo di carta stagnola, utilizzati per confezionare le dosi e per il consumo sul posto dello stupefacente per inalazione.
Il brasiliano è stato quindi arrestato e, su disposizione del Pubblico Ministero, è stato trattenuto nelle camere di sicurezza del Comando di via Donegani in attesa del giudizio per direttissima.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.