Quantcast

Moratti: “500 milioni per fare del Civile l’ospedale del futuro”

L'assessore al Welfare e vice presidente della Regione Lombardia è arrivata in città presentando al sindaco Del Bono un grande piano d'investimenti sul nosocomio bresciano.

(red.) Letizia Moratti, assessore al Welfare e vice presidente della Regione Lombardia è venuta in visita a Brescia e ha parlato di investimenti per 500 milioni di euro negli Spedali Civili, per farne un ospedale del futuro. Lo ha detto durante la visita al nosocomio cittadino e incontrando il sindaco Emilio Del Bono. Moratti ha definito l’ospedale bresciano “fiore all’occhiello della sanità lombarda”, nonché “presidio qualificato e importante che prima, durante e dopo la pandemia si conferma un punto di riferimento d’eccellenza sanitaria per tutto il territorio bresciano e per l’intera Lombardia, con più di 1.200 posti letto in esercizio, 1.250.000 prestazioni e 55.000 ricoveri all’anno”

Letizia Moratti Brescia

Moratti ha presentato a Del Bono un piano di interventi per circa 500 milioni di euro, di cui circa 300 in edilizia e il restante in innovazione e opere complementari, con l’obiettivo di trasformare gli Spedali Civili e l’Ospedale dei Bambini nel prototipo di ‘ospedale del futuro’. E’ stato concordato “l’avvio immediato di un tavolo tecnico di lavoro composto da esperti regionali e comunali per avviare l’iter degli interventi che dovranno tenere conto nella loro tempistica anche delle linee di finanziamento governative, regionali e del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza”.

Del Bono con Letizia Moratti Brescia

Secondo quanto affermato da Moratti, questo ospedale del futuro “sarà legato al presidio universitario, avrà degenze organizzate in base all’intensità di cura, privilegiando l’attenzione alla persona prima che alla malattia, e si legherà in modo forte alla sanità territoriale e di prossimità. Il pronto soccorso, infine, godrà di percorsi e spazi specifici dedicati ad adulti e bambini”.

 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.