Quantcast

10 anni nel sito Unesco, così Brescia celebra il riconoscimento

Si parte stasera nella White Room del Santa Giulia. Domani ingressi gratuiti al museo e al Brixia Romana.

(red.) Domani, venerdì 25 giugno, si celebrano i dieci anni di iscrizione del complesso San Salvatore-Santa Giulia e dei monumenti romani di Brescia nel patrimonio mondiale dell’Unesco tramite il sito “I Longobardi in Italia. I luoghi del potere (568-774 d.C.)”. E per l’occasione il Comune di Brescia e la Fondazione Brescia Musei hanno pensato al programma che era già stato annunciato e presentato. Si partirà già stasera, giovedì 24, alle 18,30 nella White Room del museo di Santa Giulia per una conversazione sul tema “Archeologia in pericolo. Il patrimonio nelle aree di conflitto” con Alberto Deregibus, Daniele Morandi Bonacossi e Alberto Garlandini.

Domani il parco archeologico Brixia romana e il museo di Santa Giulia saranno aperti gratuitamente dalle 10 alle 18 e dalle 17 si potranno fare visite guidate al sito Unesco. Alle 21,30 al Viridarium – il cortile interno del museo di Santa Giulia – sarà proiettato il film documentario di Eugenio Farioli Vecchioli “L’Italia dei Longobardi” che ha vinto il premio Città di Rovereto-Archeologia Viva. Ci saranno l’archeologa dei Civici Musei Francesca Morandini e la collega Angela Maria Ferroni. Dalle 22,30 fino a mezzanotte nel Capitolium ci sarà un dj-set con Nicola Veneziani. Per accedere è consigliata la prenotazione contattando lo 030-2977833-834 e via mail a santagiulia@bresciamusei.com.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.