Quantcast

Brescia, video e foto “hot” nella casa del recidivo: 29enne denunciato

Il giovane già pizzicato per lo stesso motivo quando aveva 22 anni: era finito a processo e alla messa in prova.

(red.) Nei giorni precedenti a mercoledì 23 giugno gli agenti della Polizia postale di Brescia si sono mossi per una nuova denuncia nei confronti di uno studente di 29 anni residente in città. Nella sua abitazione, infatti, all’interno di vari dispositivi elettronici, sono stati trovati contenuti tra video e foto di stampo pedopornografico. E purtroppo per lui non si tratta della prima volta. Già quando aveva 22 anni – il caso è riportato dal Giornale di Bresciaera finito sotto indagine per lo stesso motivo e anche a processo, riuscendo a incassare la messa in prova rispetto alla detenzione. Ma a distanza di anni, il giovane è stato di nuovo pizzicato e denunciato per detenzione e diffusione di immagini scabrose.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.