Quantcast

Brescia, da lunedì 21 giugno aprono i Centri ricreativi estivi del Comune

L'assessore all'Istruzione Fabio Capra ha presentato i dettagli dell'iniziativa. Iscritti ben oltre le attese.

(red.) A partire da lunedì 21 giugno a Brescia inizieranno i Centri ricreativi estivi del Comune rivolti ai bambini delle scuole elementari e degli asili iscritti in 2.850. Si partirà prima con quelli delle elementari (coinvolte le Collodi di via Amba d’Oro, la Deledda di via Parenzo, la Divisione Tridentina di via Bagatta, la Rinaldini, Santa Maria Bambina di via Verrocchio, la Torricella di viale Colombo e la Valdadige di via Ambaraga) e dal 5 luglio anche per quelli dell’asilo (Agazzi di via Boccacci, Don Bosco di via Caleppe, Agosti di via Raffaello, Trento di via Pasquali, Zammarchi di viale Piave).

Per l’attività, presentata giovedì 17 giugno, dall’assessore all’Istruzione Fabio Capra, il Comune ha messo a disposizione oltre un milione di euro. I centri ricreativi estivi, su più turni, andranno avanti fino alla fine di agosto, tranne quella di Ferragosto. Ogni giorno le attività si svolgeranno dalle 8 alle 17, mensa compresa, mentre il rapporto tra educatori e bambini calerà a 2 su 25. Dal punto di vista sanitario, sarà sufficiente presentare un’autodichiarazione solo al primo giorno. Per i bambini dell’asilo e delle elementari – ci sono ancora pochi posti disponibili – ci saranno laboratori e gite sul territorio.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.