Quantcast

Via Conicchio, 50enne cade nella tromba dell’ascensore che sta riparando

Non un infortunio, ma un tentativo, da parte della vittima e di un altro vicino, di riparare il montacarichi problematico.

(red.) Nel corso della giornata di ieri, lunedì 7 giugno, si è ricostruita meglio la dinamica, anche se mancano alcuni dettagli, della tragedia avvenuta in via Conicchio, al civico 48, al confine tra Brescia e Bovezzo. Quello che sembrava essere un infortunio sul lavoro è stato ridimensionato, ma non nella gravità, in un tentativo di intervento al montacarichi dell’abitazione privata. La vittima, il 50enne Mehdi Bagheri, di origine iraniana, intorno alle 15,30 sembra che fosse con un altro vicino di casa 77enne per mettere mano all’ascensore di servizio.

Infatti, come si è appurato, nei mesi precedenti lo stesso montacarichi aveva avuto dei problemi di funzionamento e un’altra inquilina si era seriamente ferita. La vittima 50enne, che aveva condotto diversi lavori nel commercio, da qualche tempo si era trasferito in via Conicchio dove svolgeva dei lavori saltuari, tra giardiniere, aiuto muratore e si prodigava anche nell’aiutare gli altri vicini, come i traslochi. Ma ieri pomeriggio ha trovato la morte. Gli agenti della Polizia di Stato, sulla base di quanto raccolto anche dai vigili del fuoco e dai tecnici della Medicina del Lavoro dell’Ats di Brescia e dei carabinieri, stanno ricostruendo cosa sia esattamente accaduto.

Si pensa a una caduta nella tromba dell’ascensore, ma i dettagli sono ancora da valutare tramite il magistrato Maria Cristina Bonomo. L’altro vicino che era con la vittima, il 77enne, è stato soccorso con un’ambulanza e trasportato in condizioni serie all’ospedale Civile di Brescia. Nel tardo pomeriggio i vigili del fuoco hanno recuperato il corpo del 50enne, a disposizione del magistrato per tutti i rilievi del caso. Di certo si vuole anche capire per quale motivo l’uomo e il vicino stessero cercando di riparare il montacarichi che già aveva creato problemi e tanto che i vigili del fuoco erano dovuti intervenire.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.