Quantcast

Brescia, il Museo Mille Miglia “sfratta” l’altare dei cimeli dei Beatles

Il leader Rolando Giambelli si è sentito chiedere di liberare i locali entro il 9 giugno. Cercasi nuova sede.

(red.) Lui stesso, Rolando Giambelli, anima e corpo del museo, parla di un “fulmine a ciel sereno”. Cioé la notizia che ha ricevuto dalla nuova direzione del Museo Mille Miglia di Brescia per liberare i locali dove attualmente si trova il Beatles Museum. Rolando Giambelli è leader dei Beatlesiani Associati d’Italia e da vent’anni ha messo in campo questa particolare esposizione di cimeli storici della band di Liverpool. Il museo bresciano dedicato ai Beatles era stato inaugurato nel 2001 in via Trieste e poi lo spostamento nella sala Ajmo Maggi al Museo della Mille Miglia.

E ora in quella stessa sala la direzione intende allargare l’attività delle auto storiche, invitando a liberare lo spazio entro il 9 giugno. Si tratta di una testimonianza storica che rischia di sparire, ma già sono partiti gli appelli al Comune di Brescia per trovare una nuova sede in cui continuare a esporre i materiali legati ai Beatles.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.