Quantcast

Brescia, 12 chili di hashish e una serra con 55 piante di marijuana: due arresti foto

In tutto 14 chili di droga pronta per lo smercio. Un polacco e un dominicano in manette. La coltivazione era in un magazzino di via Orzinuovi, ma il deposito in un appartamento di via Filzi.

(red.) Avevano organizzato una vera e propria serra per la coltivazione di marijuana in un magazzino di via Orzinuovi a Brescia, e tenevano in un deposito 14 chili di droga già pronti per essere smerciati. Mercoledì 5 maggio, la Polizia di Stato ha arrestato a Brescia due uomini, un polacco 25enne e un dominicano 26enne, con le accuse di produzione e detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente. Durante l’operazione è stata  sequestrata una serra per la coltivazione di piante di marijuana. Il polacco è stato arrestato anche per resistenza a pubblico ufficiale.

Ecco come si sono svolti i fatti. Gli investigatori della Squadra Mobile e del commissariato Carmine avevano individuato un deposito in via Orzinuovi nel quale sospettavano che si smerciasse droga. I poliziotti hanno atteso che il cittadino polacco, già noto per i suoi precedenti, uscisse dallo stabile e lo hanno bloccato sottoponendolo a perquisizione. Il giovane ha provato a reagire contro gli agenti, causando a due di essi contusioni ed escoriazioni.
Una volta all’interno del magazzino, i poliziotti hanno scoperto una vera e propria serra per la coltivazione della marijuana, dotata di lampade, sistemi automatici di irrigazione, controllo della temperatura, apparati di ventilazione, con ben 55 piante pronte per la raccolta.

Il controllo è proseguito in un altro appartamento in uso al giovane polacco sempre in città, in via Fabio Filzi, dove gli operatori hanno trovato e sequestrato oltre 12 chili di hashish, varie buste di plastica contenenti marijuana per un peso di circa 2 chili. C’erano anche 5.840 euro in contanti considerati probabile provento dell’attività di spaccio, oltre agli strumenti per la pesatura e alla documentazione sulla contabilità. All’interno dell’abitazione si trovava il 26enne dominicano, anch’egli complice nell’attività illecita e quindi arrestato.
Dopo l’udienza di convalida, su richiesta del pubblico ministero presso la Procura della Repubblica, il giudice del Tribunale di Brescia ha disposto la custodia cautelare in carcere nei confronti del polacco, mentre il dominicano è stato collocato agli arresti domiciliari presso la sua abitazione.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.