Quantcast

Brescia, nuovo furto al complesso di via Rose: associazioni si arrendono

Sabato il secondo colpo in una settimana. "Mamme e papà separati" sospende la distribuzione dei pacchi alimentari.

(red.) Dal complesso di proprietà del Comune di Brescia in via Rose le associazioni che qui hanno la loro sede ora dicono basta. Nella notte tra sabato 24 e ieri, domenica 25 aprile, la struttura è di nuovo finita nel mirino dei malviventi che hanno raggiunto i locali dei City Angels, della Protezione Civile e dell’associazione Mamme e papà separati. E quello che preoccupa è che si tratta di una nuova incursione nell’arco di una settimana dopo quella del 18 aprile.

Nel mirino, come detto, è finita l’associazione delle Mamme e papà separati che si è vista portare via le scorte di prodotti alimentari in aiuto di chi ha bisogno. Mentre la Protezione Civile ha fatto i conti con il furto di zaini e divise dei volontari e tutto l’occorrente per un valore di 10 mila euro. Per questo motivo l’associazione dei genitori separati, guidata da Eugenia Maifredi, ha già annunciato che al momento la distribuzione è stata sospesa a tempo indeterminato.

A rischio ci sono quindi 500 persone, di cui due terzi in città. Ora chiedono al Comune di trovare loro una nuova sede a causa delle scarse condizioni di sicurezza in via Rose. I malviventi, nel bottino, hanno provocato anche migliaia di euro di danni nell’accedere dalle porte e dalle finestre.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.