Quantcast

Vaccino anti-Covid, a Brescia città 3.500 over 80 ancora non prenotati

Il sindaco ha deciso di non prorogare l'ordinanza sui parchi chiusi e sul divieto di consumo di bevande e cibo.

(red.) Nella giornata di ieri, venerdì 16 aprile, da palazzo Loggia a Brescia si è svolto il consueto punto stampa settimanale per quanto riguarda la situazione del contagio da Covid-19 e del vaccino. E per questo fine settimana, tra oggi sabato 17 e domani, domenica 18, il sindaco Emilio Del Bono ha deciso di non prorogare l’ordinanza sui parchi cittadini chiusi (che quindi restano aperti), ma anche quella sul divieto di consumare bevande e cibo nei luoghi pubblici del centro storico. Quindi, si potrà fare, ma non nei pressi dei bar e ristoranti come prevede il decreto anti-Covid nazionale in corso e con le misure previste per le zone arancioni.

Da questo punto di vista, lo scorso fine settimana la Polizia locale ha controllato 36 locali e 118 persone, emettendo 11 sanzioni e denunciando tre soggetti per resistenza a pubblico ufficiale e violenza. Ma quella di ieri è stata anche l’occasione per fare il punto sulla campagna di vaccinazione in città. E il primo cittadino ha sottolineato come manchino ancora oltre 3.500 over 80 tra i prenotati. Il sindaco si è rivolto direttamente a loro chiedendo di fare affidamento al proprio consiglio di quartiere e ai Servizi sociali del Comune.

Per quanto riguarda i dati forniti dall’Ats, al 10 aprile avevano ricevuto la prima dose 13.569 over 80, cioé due terzi dei 17.500 che ne hanno diritto e quasi la totalità dei 13.976 prenotati. Dei vaccinati, 7.539 hanno ricevuto anche il richiamo. Ma sul fronte del contagio è emerso come l’età media si sia ulteriormente abbassata dai 44 anni e mezzo di un mese fa, il 15 marzo, agli attuali 40 e ancora più giovani sono quelli in quarantena fiduciaria. In ogni caso, quelli costretti all’isolamento obbligatorio si sono ridotti in due settimane dai 1.600 di inizio mese di aprile agli attuali 943.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.