Quantcast

I Verdi: “Carlo Scarpa deve dimettersi da presidente di Brescia Mobilità”

(red.) “Carlo Scarpa, professore ordinario di Economia e Management dell’Università di Brescia, deve dimettersi da presidente della società comunale Brescia Mobilità”, si legge in un comunicato diffuso dai Verdi-Europa Verde Brescia. “Vista la sentenza della Corte dei Conti che lo ha condannato a risarcire all’Ateneo la somma di 329.794 euro per aver intrattenuto, nel periodo 2007-2013, rapporti professionali extra accademici, mentre risultava essere docente a tempo pieno. Pendenze giudiziarie che purtroppo hanno caratterizzato altre nomine,  l’amministratore delegato Renato Mazzoncini di A2A e  Francesca Bazoli della Fondazione Brescia Musei”.

“Le partecipate pubbliche sono una importante espressione delle politiche amministrative del Comune”, prosegue la nota dei Verdi bresciani. “Riguardano la gestione di  importanti servizi per la qualità della vita e dell’ambiente in città.  Come l’erogazione dell’acqua, della luce, del gas, la raccolta dei rifiuti, i servizi di trasporto pubblico e scolastico, le attività culturali di una città ricca di patrimoni storici e artistici.  Per questo la nomina del board delle partecipate comunali deve essere fatta con trasparenza, attenzione e con accertata serietà professionale. La scelta dei manager e della loro specchiata professionalità andrebbe verificata  prima delle nomine, per non dover constatare poi situazioni imbarazzanti, che minano la credibilità del Comune di Brescia”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.