Quantcast

Coronavirus, al Civile nasce una bimba con gli anticorpi della madre

E' un caso eccezionale quello del Civile che sta confermando diversi studi in corso a livello internazionale.

(red.) Nella settimana precedente a sabato 3 aprile, nel reparto di Ostetricia e Ginecologia dell’ospedale Civile di Brescia è venuta alla luce una bimba che ha già nel sangue gli anticorpi che la proteggono dal Covid-19. E a trasferirli alla neonata è stata la madre che, operatrice sanitaria nel massimo ospedale cittadino, lo scorso gennaio si era vaccinata con le due dosi di Pfizer.

Come riporta il Giornale di Brescia interpellando i medici del reparto, la donna era incinta al terzo mese di gravidanza quando lo scorso gennaio ha aderito alla somministrazione. E ora anche la piccola può avere una protezione, seppure di alcuni mesi. Ma, secondo esperti interpellati dallo stesso quotidiano bresciano, è rarissimo che bimbi del genere sviluppino casi di malattia particolare.

E al massimo può succedere nel caso di donne in gravidanza già positive o malate di Covid-19. Di certo quello del Civile è un caso eccezionale che sta confermando una serie di studi scientifici in sviluppo proprio in questo periodo in cui si sta conoscendo meglio il virus.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.