Quantcast

Brescia, con la betoniera investì e uccise una donna: autista assolto

Ieri la sentenza per il conducente. A febbraio 2016 non era riuscito a fermarsi in tempo: morì Barbara Mafezzoni.

(red.) Nella giornata di ieri, giovedì 1 aprile, il giudice del tribunale di Brescia Angela Corvi ha assolto dall’accusa di omicidio colposo l’autista 60enne della betoniera che lo scorso 27 febbraio del 2016 investì e uccise la 57enne Barbara Mafezzoni in via Fontane a Mompiano di Brescia. Secondo la Corte, infatti, il reato non sussiste. Quel giorno la donna, madre di tre figli, addetta come cuoca alla Casa Industria e residente nel quartiere, stava tornando a casa in bicicletta dopo aver fatto la spesa.

Ma a un certo punto, forse per una manovra errata, era caduta a terra. E dietro di lei, nella stessa direzione, si stava muovendo il mezzo pesante che procedeva a una velocità molto lenta. Ma questo non gli era stato sufficiente per evitare di investire la donna, rimasta straziata tra le ruote. Per quell’incidente l’autista della betoniera era finito alla sbarra in rito abbreviato e l’accusa aveva chiesto per lui 2 anni e otto mesi di reclusione. Ieri, invece, la sentenza di assoluzione.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.