Quantcast

Nuovo Dl e Brescia in zona rossa, forze dell’ordine: più controlli

Ieri è stato l'ultimo giorno di "libertà". Da oggi il massimo delle restrizioni. E si potenziano i controlli sul territorio.

(red.) Dopo l’ultimo fine settimana in cui ci si è potuta concedere qualche libertà, da oggi, lunedì 15 marzo e per almeno due settimane anche la provincia di Brescia, così come tutta la Regione Lombardia e diverse altre regioni italiane, si entra in zona rossa dal punto di vista delle misure di contenimento e restrizioni massime da rispettare per evitare la diffusione del contagio. Infatti, il punto basilare della zona rossa è che gli spostamenti sono vietati anche all’interno del proprio territorio comunale, salvo per motivi di lavoro, salute e necessità e qualche iniziativa concessa, ma tutto giustificato con l’autocertificazione che deve tornare alla portata di tutti ogni giorno.

Su questo fronte, sempre a partire da oggi, lunedì 15, anche le forze dell’ordine bresciane saranno impegnate in maggiori controlli. Attraverso la videosorveglianza e pattuglie nei luoghi sensibili, la Polizia locale di Brescia è pronta a mettere in campo un potenziamento dei controlli. Questo dispositivo partirà dopo quanto deciso dal questore di Brescia Giovanni Signer e per evitare che ci siano cittadini che si muovono senza un motivo valido e permesso anche dall’ultimo decreto legge che parte proprio oggi, lunedì 15 marzo e fino al prossimo 6 aprile.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.