Due laghetti nel Parco Ducos2 per le testuggini palustri americane

Più informazioni su

(red.) Prevenire e gestire l’introduzione e la diffusione delle specie esotiche invasive che possano compromettere gli habitat naturali è fondamentale per la salvaguardia della diversità biologica in Europa, come previsto dalla direttiva 92/43/CEE “Habitat” della Commissione europea.
Nei parchi cittadini del Comune di Brescia – informa una nota – sono presenti alcuni specchi d’acqua, nei quali vivono oltre 300 esemplari di testuggini esotiche, abbandonate nel tempo dai cittadini, che vanno contenute al fine di evitarne la fuga e la riproduzione, ottemperando tra l’altro agli obblighi normativi previsti dal D.M. 15 dicembre 2017 n. 230.
Regione Lombardia e Wwf hanno individuato alcune aree idonee alla stabulazione e al contenimento delle tartarughe palustri sul territorio regionale e tra queste rientrano i due laghetti presenti nel Parco Ducos Due.

Grazie all’accordo di collaborazione siglato tra Regione e Comune di Brescia, il giorno  22 febbraio inizieranno alcune piccole lavorazioni lungo il perimetro dei laghetti per realizzare un’area dedicata alla stabulazione permanente delle testuggini esotiche nell’ambito del progetto Life Ip Gestire 2020. I lavori saranno eseguiti, con risorse del progetto, dalle maestranze dei Carabinieri Forestali (reparto per la tutela della biodiversità e dei parchi), partner dell’iniziativa, che contribuiranno all’allestimento del centro di raccolta con l’acquisto di materiali e la fornitura di manodopera.

Si tratterà di posizionare una rete metallica alta 40 cm, per una porzione interrata, a perimetro dei laghetti al fine di evitare l’allontanamento delle testuggini, di realizzare alcune piattaforme galleggianti, di incrementare la vegetazione a bordo lago per il benessere delle tartarughe e di realizzare una bacheca illustrativa circa le finalità del progetto. Finiti i lavori, verranno poi separati maschi e femmine per evitare la riproduzione.
Al Comune spetterà poi la gestione dei laghetti con fondi del progetto Life Gestire 2020 nel quale è prevista un’azione specifica per il controllo e gestione delle specie alloctone tra cui testuggini palustri americane (Trachemys spp.), finalizzato a contribuire alla conservazione della testuggine palustre europea, minacciata oltre che dalla frammentazione e alterazione delle aree umide, anche dalla competizione ecologica con i nuclei di Trachemys spp. abbandonati in natura dopo un breve periodo di allevamento.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.