Brescia, consiglio comunale per Iveco: pressing anche sul Governo

Documento condiviso per chiedere che vengano rispettati gli accordi tra i sindacati e la Cnh Industrial.

(red.) Dalla seduta del Consiglio comunale di Brescia di ieri, lunedì 8 febbraio, è arrivato il via libera all’unanimità per la mozione con cui impegnare la Loggia a valutare la situazione dello stabilimento Iveco alla luce della trattativa in corso tra il gruppo Cnh Industrial e i cinesi interessati a rilevare l’attività. Per questo motivo tutti i capigruppo dei vari partiti hanno sottoscritto un documento per la preoccupazione legata al futuro di 1.600 famiglie bresciane.

Dalla seduta del consiglio tutti i partecipanti si sono detti d’accordo che debbano essere rispettati gli accordi tra i sindacati e Cnh Industrial per riconvertire la produzione all’insegna dell’elettrico e idrogeno e mantenere gli attuali livelli di occupazione.

Per questo motivo viene chiesta anche una strategia di rilancio, oltre al fatto che l’Iveco si trova in una zona che a livello urbanistico è considerata produttiva e conforme al territorio. Il messaggio sarà diretto al Governo e al Ministero dello Sviluppo Economico affinché gli accordi vengano rispettati.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.