Coronavirus, allarme del prefetto: “Troppe leggerezze, rischiamo zona rossa”

Attilio Visconti sottolinea i corsi affollati e troppa gente con la mascherina abbassata. Anche mezzi pubblici pieni.

(red.) E’ un allarme che non passa inosservato visto che proviene da Brescia città nell’ambito di una provincia che dal punto di vista dei contagi da Covid-19 si pone sempre al secondo posto, se non al primo, in Lombardia. E ad essere preoccupato è il prefetto di Brescia Attilio Visconti nel momento in cui si vedono troppi comportamenti di leggerezza in questa zona gialla di restrizioni minime.

“Se si continua con gli atteggiamenti irresponsabili di questi giorni rischiamo di tornare in zona rossa molto presto. Sto vedendo corsi di passaggio affollati con gente che tiene la mascherina abbassata – continua il prefetto – bar pieni con persone che parlano una addosso all’altra.

Le riaperture sono sacrosante, ma devono essere interpretate con senso civico”. E sulla riapertura delle scuole, “bene, ma i trasporti restano un problema enorme. Su bus e metropolitana ci sono tutti, non solo gli studenti e qui si avvertono grossi problemi”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.