Truffe web sui pagamenti, una denuncia ai carabinieri di Brescia

Cyber criminali hanno intercettato una corrispondenza mail per 40 mila euro tra un professionista e il fornitore.

(red.) E’ l’ultima frontiera delle truffe informatiche sulle quali la Polizia postale sta indagando. E una di queste segnalazioni, di cui scrive il Giornale di Brescia, arriva proprio da Brescia e denunciata ai carabinieri cittadini. Un professionista ha segnalato ai militari di aver inviato 40 mila euro come pagamento a un fornitore, ma questo non ha ricevuto nulla.

E lo stesso è successo con un pagamento successivo dell’importo minore. Un grattacapo, visto che è emerso come il fornitore abbia fornito le reali credenziali bancarie per ricevere la somma. Cosa è successo? Si parla di cybercriminali che riescono a intercettare mail delicate e a modificarle con un virus, inserendo i propri codici. Di conseguenza, le somme vanno ai malviventi senza che mittente e destinatario possano capirlo.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.