Quantcast

Brescia, bilancio di fine 2020. Il sindaco Del Bono: “2021 anno del rilancio”

Ieri la presentazione dalla Giunta nel salone Vanvitelliano. L'anno prossimo si prepara anche il 2023 della Cultura.

(red.) Ieri, mercoledì 23 dicembre, il sindaco Emilio Del Bono con il resto della Giunta comunale di Brescia hanno tenuto la tradizionale conferenza stampa per presentare il bilancio di questo 2020 e in vista dell’arrivo del 2021. Ma considerando le misure sanitarie da rispettare, il punto stampa stavolta si è svolto nel salone Vanvitelliano di palazzo Loggia. E’ stato il momento in cui si sono presentati gli interventi dell’anno che si sta concludendo e le prospettive dal 2021. L’anno nuovo sarà dedicato soprattutto alla riqualificazione di via Milano, i progetti per il Castello, la bonifica della Caffaro, la realizzazione del Musil, il depuratore di Concesio e la linea del tram.

In questo 2020 che sta terminando si è invece completata la palazzina di Campo Marte, il nuovo campo di atletica di Sanpolino, il sottopassaggio di via Rose e la riqualificazione della stazione ferroviaria di Borgo San Giovanni nel rilancio di via Milano. Ma anche la bonifica del parco di via Parenzo, piste ciclabili, edilizia scolastica, il ritorno della Vittoria Alata al Capitolium. E il 2021, come detto, sarà l’anno di nuove sfide, a partire dalla preparazione del 2023 quando Brescia sarà con Bergamo Capitale italiana della cultura. Spazio anche ai progetti in Castello tra l’ascensore, l’accesso ai disabili fino al Museo delle armi e il nuovo Museo del Risorgimento. Un altro progetto importante sarà quello sul tram dal punto di vista del trasporto pubblico locale.

Tpl che ieri ha ricevuto la conferma con l’emendamento, contenuto nella legge di Bilancio approvata alla Camera e in vista di arrivare al Senato, che destina 10 milioni di euro alla metropolitana di Brescia. Per quanto riguarda la mobilità, si sta anche studiando il progetto del tram dalla Pendolina alla Fiera per un costo di 350 milioni di euro e che si punta a far coprire dallo Stato. Un altro intervento sul 2021 sarà la Torre Tintoretto che verrà abbattuta per dare spazio a 320 appartamenti tra quelli in vendita e in affitto. Infine, il sindaco Del Bono non ha mancato di lanciare qualche critica alla Regione Lombardia e lodi, invece, al Governo che avrebbe aiutato il Comune più dell’ente lombardo.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.