Maltrattamenti su ex compagna, 4 anni confermati per Felice Maniero

Ieri la sentenza della Corte d'Appello che ha ribadito la condanna di primo grado a carico dell'ex boss del Brenta.

(red.) Ieri, lunedì 7 dicembre, anche dalla Corte d’Appello di Brescia è arrivata la condanna a 4 anni di reclusione nei confronti dell’ex boss della Mala del Brenta Felice Maniero accusato di maltrattamenti in famiglia e lesioni aggravate nel 2019 ai danni della compagna. Durante l’udienza di ieri, l’imputato era collegato in videoconferenza dal carcere di Pescara nel quale si trova detenuto. E sempre ieri, rilasciando delle dichiarazioni aggiuntive legate alla memoria difensiva che aveva presentato, non ha mancato di attaccare chi lo accusava.

Tanto da chiedere di ricusare il pubblico ministero e il giudice di primo grado che lo aveva condannato a 4 anni. Secondo l’imputato, accusa e giudice si sarebbero schierati a favore dell’ex compagna. Maniero aveva anche criticato proprio l’ex compagna e l’ex cognato che ritiene puntino a spendere quanto l’ex boss aveva accumulato. L’uomo era stato arrestato nell’ottobre del 2019.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.