Quantcast

Brescia, notte di Halloween da follia. Un minore sorpreso con una mazza

Per lui una multa da 400 euro: non aveva rispettato il coprifuoco alle 23. Altra rissa in piazza Tebaldo Brusato.

(red.) Nelle ore precedenti a lunedì 2 novembre i carabinieri della compagnia di Brescia hanno dato conto degli interventi messi in campo sabato 31 ottobre, nella notte di Halloween, soprattutto in città e nonostante le misure anti-Covid, con il coprifuoco a partire dalle 23. Tanto che non sono mancate le segnalazioni. Una di queste riguarda un ragazzo minorenne che è stato fermato mentre, a bordo di una bicicletta, stava cercando di fuggire dal centro cittadino. E non solo è stato bloccato per quanto aveva commesso con altri ragazzi in una notte di follia, seppur senza particolari eccessi.

Infatti, i militari gli hanno trovato al collo una mazza da baseball e non si capisce per quale motivo l’avesse con sé. Come detto, il giovane si trovava con altri e gli sono stati contestati schiamazzi, lancio di uova contro i portoni e suono ai campanelli delle abitazioni tra piazza Tebaldo Brusato e piazzale Arnaldo. Una situazione che aveva indotto i residenti ad allertare i carabinieri, in quel momento impegnati nel verificare il rispetto delle misure sanitarie. Così facendo, le forze dell’ordine hanno fermato il minorenne e lo hanno condotto in caserma.

Qui gli è stata sequestrata la mazza e ha atteso i genitori per poter tornare a casa. Ha anche incassato una sanzione di 400 euro perché è stato sorpreso in giro dopo le 23, orario in cui scatta il coprifuoco. Ma non è stato l’unico intervento che ha visto giungere le forze dell’ordine.
Infatti in piazza Tebaldo Brusato si è verificata un’altra rissa, e purtroppo ne erano avvenute altre nelle settimane precedenti. Alcune decine di ragazzi si sarebbero fronteggiati e due di loro, forse le vittime, sono poi finiti al comando della Polizia locale di via Donegani.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.