Quantcast

Nuovo dpcm, manifestazione a Brescia. Delegazione accolta dal prefetto

La pioggia e la piazza monitorata dalle forze dell'ordine hanno evitato scontri. Un centinaio al presidio spontaneo.

(red.) Per fortuna non si è assistito a scontri e tensioni sociali come in altre città italiane, ma ieri, lunedì 26 ottobre, anche a Brescia si è svolta una manifestazione di protesta da parte di cittadini e commercianti contro le nuove disposizioni previste nell’ultimo decreto del presidente del Consiglio (dpcm) entrate in vigore proprio ieri e ancora più stringenti sul fronte del contagio da Covid-19. In primis, il fatto che bar, ristoranti, pasticcerie, pizzerie e gelaterie debbano chiudere ogni giorno alle 18, quando in realtà anche Brescia si anima.

Ieri pomeriggio in piazza Vittoria si è svolta una manifestazione spontanea e, vista la pioggia incessante, il centinaio di partecipanti al presidio ha raggiunto i portici sottolineando il proprio malcontento. Ma come detto, è stato un momento pacifico e senza slogan né scontri come sono invece avvenuti in altre città, con decine di persone fermate dalle forze dell’ordine.

Tuttavia, le istituzioni restano preoccupate per il crescente malcontento e ieri, per evitare che si levasse la tensione, il prefetto di Brescia Attilio Visconti ha deciso di accogliere a palazzo Broletto una delegazione dei manifestanti dicendo di voler inviare a Roma le istanze pervenute proprio dai settori più colpiti dalle nuove disposizioni. Questa settimana, giovedì 29 e sabato 31 ottobre, a Brescia sono in programma altre manifestazioni dei lavoratori, mentre lunedì prossimo 2 novembre si terrà un presidio alle 19 in piazza Vittoria e un nuovo incontro in Broletto.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.