Vittoria Alata, dopo il restauro a Firenze la statua torna a Brescia

La statua tornerà oggi e per tutta la giornata inizieranno le procedure di posizionamento e assemblaggio.

(red.) Per due anni, dal 2018, è stata oggetto delle cure e delle attenzioni degli esperti e restauratori all’Opificio delle Pietre Dure di Firenze. La statua della Vittoria Alata di Brescia è ora di ritorno in città e sarà il punto di riferimento più atteso all’interno della nuova posizione, quella originaria, nella cella orientale del Capitolium di Brescia. Da ieri, venerdì 16 ottobre, la statua è in viaggio da Firenze verso Brescia dove arriverà questa mattina.

E l’intera giornata di oggi, sabato 17, sarà dedicata alle prime fasi di riposizionamento e assemblaggio nella cella realizzata dall’architetto Juan Navarro Baldeweg. Ad occuparsi delle operazioni di assemblaggio saranno gli stessi restauratori fiorentini che per una settimana resteranno in città per verificare le condizioni in cui l’opera si presenta. Di certo è un sito ad alta tecnologia: la statua sarà posizionata su un piedistallo antisismico in marmo e la parte interna dello scheletro permetterà di analizzare le condizioni sulla conservazione.

A lavoro finito, il primo sarà il presidente della Repubblica Sergio Mattarella, in visita il prossimo 29 ottobre, ad ammirare la Vittoria Alata nella nuova veste, dotata di una luce particolare. Al pubblico, invece, le visite saranno consentite dal 19 novembre.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.