Movida a Brescia, fino al 31 gennaio la nuova ordinanza anti-contagio

Il sindaco Del Bono ha prorogato fino a tutto gennaio gli effetti del provvedimento per evitare assembramenti.

(red.) Nella giornata di  giovedì 15 ottobre, oltre alle limitazioni anti-contagio per i parchi e le aree verdi di Brescia, il sindaco Emilio Del Bono ha firmato anche un’altra ordinanza che riguarda la movida. Il provvedimento, che segue il nuovo dpcm, è di fatto una proroga di quanto già stabilito da mesi e i cui tempi si allungano fino al 31 gennaio 2021.

Quindi, i locali, così come gli esercizi di vicinato, attività artigianali, distributori automatici e altre attività di vendita non potranno vendere alcolici ogni venerdì, sabato e domenica e nemmeno nei giorni festivi e prefestivi dalle 20 alle 7.
A questi provvedimenti si aggiungono quelli decisi nella notte tra venerdì e sabato dalla Regione Lombardia, con il divieto di vendere bevande da asporto e di consumarle nei luoghi pubblici a partire dalle 18 di ogni giorno. Sarà probabilmente la fine della movida per i prossimi mesi invernali.

Misure che quindi riguardano anche il 7 e 8, il 24 dicembre, il 5 e 6 gennaio. Per il Capodanno, invece, è probabile che ci sarà un intervento dedicato. A questo si aggiunge il fatto che ormai tutti i giorni dalle 18 alle 24 (orario in cui è stata ordinata la chiusura) si potrà consumare solo seduti ai tavoli. Chi dovesse essere beccato a trasgredire rischia una sanzione dai 400 ai 3 mila euro.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.