Arrestato in via Turati, giovane in fuga sull’auto rubata all’asilo Pampuri

Stamattina la direttissima per il 20enne afghano che lunedì con le sue scorribande ha creato scompiglio.

(red.) Nuovi dettagli emergeranno questa mattina, mercoledì 30 settembre, nel momento in cui il giovane arrestato in via Turati a Brescia, in città, sarà sottoposto al processo per direttissima. La dinamica di quanto successo e ancora da ricostruire in una serie di elementi, era partita quasi all’alba – intorno alle 4 – tra lunedì 28 e ieri martedì 29, quando un 20enne afghano ospite dell’asilo notturno Pampuri di Brescia sarebbe riuscito a forzare uno dei cassetti in uno dei locali della direzione.

Si sarebbe quindi impossessato di un paio di chiavi di un’auto di servizio del centro e con la quale si è messo in marcia. Pare che il giovane non avesse mai conseguito la patente eppure si muoveva tra le strade cittadine. E’ stata una persona ad attivare il 112 e chiedere l’intervento delle forze dell’ordine dopo aver visto quell’auto che sfrecciava. Subito dopo la questura e la Polizia di Stato si sono attivate per inseguirlo dopo che il giovane autista non si era fermato all’alt. Infine, sono riusciti a bloccarlo in via Turati per mettergli le manette. Per fortuna nessuno, vista anche l’ora, è rimasto ferito in quella scorribanda.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.