Scuole di Brescia “green”, led e domotica in arrivo per 70 istituti

La proposta era partita da A2a. Loggia non spenderà nulla trovandosi entro tre anni scuole di nuova generazione.

(red.) Le scuole pubbliche cittadine di Brescia saranno tra le prime in Italia a poter dotarsi della domotica, un sistema “intelligente” di risparmio energetico a partire dall’illuminazione che sarà a led. Palazzo Loggia, che sull’operazione non spenderà praticamente nulla, prevede di intervenire su 70 istituti da qui fino al 2023. Merito del project financing che per la prima volta verrà praticato a Brescia città.

Tutto era partito da una proposta di A2a per investire sui sistemi di illuminazione delle scuole e per una spesa di 6,1 milioni di euro. Come detto, saranno 70 le scuole coinvolte, partendo dagli asili nido “Girotondo” e “Giostra”, poi le scuole “Volta”, “Melzi”, “Boifava”, “Bonomelli”, “Santa Maria Bambina” e le medie “Caionvico”, “Tovini Calvino” e “Verrocchio”.

Il vantaggio del project financing è che le spese non saranno a carico della Loggia ma della società che vedrà affidarsi i lavori (A2a ha il diritto di prelazione) da una gara europea che sarà aperta tra novembre e gennaio 2021. L’azienda vincitrice terrà la gestione per i prossimi 23 anni e in seguito la proprietà passerà alla Loggia, mentre la stessa impresa guadagnerà dalla concessione e dai lavori di manutenzione.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.