Brescia, iniziata demolizione all’ex Ideal Clima. Al suo posto un teatro

Ieri le ruspe sono entrate in azione dove sorgerà il nuovo Teatro Ideal gestito dal Ctb e dal Teatro Telaio.

(red.) Quella di ieri, lunedì 7 settembre, è stata una giornata da consegnare alla storia per quanto riguarda Brescia città. Nel primo pomeriggio in via Milano sono arrivate le ruspe per dare il via alla demolizione dello stabile dell’ex Ideal Clima. Ma prima di procedere, come spesso è accaduto anche in passato, si sono mossi per primi gli agenti della Polizia Locale per uno sgombero ed evitare che all’interno ci fosse qualcuno. Infatti, dopo il 2009 nel momento in cui è cessata la produzione all’interno della vecchia fabbrica, lo stabile è diventato terra di degrado dove hanno trovato rifugio senza tetto, ma anche tossicodipendenti e persone ai margini della società.

Anche ieri gli operatori della municipale hanno condotto al comando due persone per l’identificazione, altre sei sono state segnalate e altre sono fuggite. Subito dopo, a stabile vuoto, si è proceduto con i primi lavori di demolizione nell’ambito del progetto “Oltre la strada” che prevede un investimento, pubblico e privato, fino a 150 milioni di euro e con cui cambiare radicalmente il volto del quartiere. All’inizio dei lavori erano presenti anche il sindaco Emilio Del Bono, l’assessore alla Rigenerazione urbana Valter Muchetti e la vicesindaco e assessore alla Cultura Laura Castelletti.

Il settore industriale andato in crisi dopo la chiusura delle due Ideal – ma per la Ideal Standard, privata, ancora non si è deciso nulla – darà spazio alla cultura. Infatti, al posto dell’ex Clima arriverà il Teatro Ideal con due sale gestite dal Ctb (400 posti) e dal Teatro Telaio (200 posti). Nel quartiere ci sarà spazio anche per sviluppatori di start up e poliambulatori, una piazza proprio davanti al nuovo teatro, un parco e la biblioteca per bambini, oltre alla sicurezza garantita dalle telecamere di videosorveglianza che saranno installate. Per quanto riguarda il nuovo teatro, si parla di un intervento da oltre 8 milioni di euro che vedrà la nuova struttura pronta e funzionale nei primi mesi del 2022.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.