Coronavirus, tre imprese interessate ai lavori per il Centro Covid al Civile

Ieri si sono conclusi i termini. Ora si individuerà l'impresa che svolgerà i cantieri. Polo pronto entro novembre.

(red.) Qualcosa si muove sul fronte della costruzione del Centro Covid (nonostante le critiche) all’interno dell’ospedale Civile di Brescia, attraverso la ristrutturazione dei sei piani della scala 4 al massimo nosocomio cittadino. Ieri, giovedì 3 settembre, sono scaduti i termini rivolti alle imprese private per esprimere la loro manifestazione di interesse. Ed entro la scadenza sono arrivate tre aziende interessate a svolgere i lavori, consegnando al pubblico un’opera di cui si parla dallo scorso aprile.

Sono previsti due mesi per la costruzione del nuovo Centro Covid che potrà ospitare fino a 170 posti letto e che i vertici sperano sia pronto entro novembre, quando il coronavirus potrebbe tornare a farsi sentire con la sua virulenza. Da oggi, venerdì 4 settembre, partirà il percorso burocratico per arrivare a individuare l’impresa che si occuperà dei lavori, parlando di un ascensore esterno, del rifacimento dell’impianto di aerazione e lo spazio per la Tac.

Per le attrezzature mediche e gli arredi interni, invece, dovrebbero essere usati i 5 milioni di euro che Intesa Sanpaolo ha donato agli Spedali Civili. A proposito del Centro Covid, era lo scorso aprile quando l’ex direttore generale del Civile Marco Trivelli, ora alla direzione del Welfare in Lombardia, insieme agli assessori del Pirellone Giulio Gallera e Davide Caparini in visita a Brescia avevano annunciato il progetto.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.