Quantcast

Coronavirus, nuovo centro diagnostico in arrivo in via Morelli a Brescia

Con la dismissione al Brixia Forum, il nuovo polo per i drive in dei tamponi e altri servizi attivo dal 28 settembre.

(red.) Come emerge dai bollettini quotidiani della Regione Lombardia in tema di diffusione da coronavirus nei giorni precedenti a venerdì 4 settembre, la tendenza del contagio va al rialzo. E questo in vista dell’arrivo dell’autunno e soprattutto verso la riapertura delle scuole dal prossimo 14 settembre. A Brescia, al Brixia Forum, da tempo è presente una struttura per il drive-in nella quale i soggetti risultati positivi ai test sierologici possono sottoporsi al tampone per verificare se abbiano ancora o meno il Covid-19 in corpo. Ma viste le attività che impegneranno proprio il polo fieristico e il fatto che entro la fine del mese il centro drive-in dovrà chiudere, Brescia ha già pronta la soluzione.

E si tratta di un maxi intervento, quello di cui dà notizia il Giornale di Brescia, che porterà ad allestire un centro identico a quello allestito alla Fiera di Brescia, ma potenziato, in via Morelli, dove di solito viene ospitato il luna park. Si tratta di un investimento al quale contribuisce anche la Fondazione della Comunità Bresciana con una raccolta fondi e che porterà in poco più di due settimane, entro la fine di settembre, a vedere la nuova struttura. Un’operazione alla quale plaudono il direttore generale degli Spedali Civili Massimo Lombardo e tutte le componenti coinvolte. L’area, di proprietà della Loggia, verrà resa disponibile in modo gratuito per consentire di allestire il nuovo polo diagnostico e in vista anche di ottobre quando la situazione legata al contagio potrebbe peggiorare. E senza dimenticare che l’autunno è anche la stagione delle influenze.

Il nuovo centro diagnostico che sarà allestito in via Morelli vedrà la presenza di un’area per i drive-in alla quale gli utenti in auto potranno essere sottoposti ai tamponi. Ma ci sarà spazio anche per ambulatori dell’area pediatrica, le emergenze, per le visite dei medici di continuità assistenziale, per le attrezzature e anche per le vaccinazioni e altri tipi di prelievi. Come scrive il quotidiano bresciano, il nuovo polo sarà attivo dal 28 settembre con i drive-in e dal giorno successivo con gli ambulatori e attivati dal personale messo a disposizione dall’Asst del Civile e da altre strutture.

Un intervento sottolineato in modo positivo anche dal direttore generale dell’Ats Claudio Sileo che anticipa come il polo sarà aperto 7 giorni su 7 e che all’interno si potranno anche svolgere le ecografie sui polmoni, evitare gli accessi inutili al pronto soccorso e può essere decisivo nel caso in cui uno studente dovesse essere trovato positivo, con tutte le conseguenze sanitarie del caso.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.