Coronavirus, terapia intensiva della Poliambulanza è Covid free

Si sta dimettendo l'ultima paziente dalla Rianimazione. Il reparto era passato da 16 a ben 80 posti letto.

(red.) In un panorama che in parte torna ad essere preoccupante nel bresciano, ma comunque monitorato dal punto di vista dell’emergenza sanitaria, c’è spazio anche per una notizia positiva. Il reparto di terapia intensiva della Poliambulanza di Brescia non ha più malati da Covid-19. E’ quanto riporta Bresciaoggi citando una newsletter dell’Ordine dei Medici di Brescia alla quale si sono rivolti vari professionisti con testimonianze. E l’ospedale di via Bissolati è simbolico nel fronte dell’emergenza, visto che qui è stato ricoverato uno dei primi casi, poi risultati positivi al contagio da coronavirus.

Il responsabile del reparto Giuseppe Nicolini aveva sottolineato come tra marzo e metà aprile si siano registrati, purtroppo, lo stesso numero di decessi avvenuti nell’intero 2019. Una situazione che aveva indotto la struttura ad ampliare il reparto di Rianimazione da 16 a 80 posti letto. E ora la notizia positiva con l’ultima paziente che verrà dimessa. Di certo gli ospedali bresciani hanno dato un forte contributo per salvare vite umane. Tanto da ricevere i ringraziamenti e menzioni a livello internazionale.

Un’infermiera dell’ospedale Civile di Brescia, per esempio, si era vista immortalata sul prestigioso New York Times, mentre Sharon Stone aveva ringraziato la Poliambulanza con un video pubblicato sui social. E dal prossimo 9 all’11 settembre, come riporta Bresciaoggi, ad Austin, in Texas, negli Stati Uniti, si terrà il congresso dell’American Society for Clinical Pathology con la presenza anche del popolare attore Tom Hanks e della moglie e durante il quale sarà trasmesso anche un video girato nell’ospedale Mellini di Chiari.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.