Maltempo, subito 150 mila euro dalla Loggia. 10 milioni da Ubi Banca

L'assessore al Bilancio ha annunciato anche una variazione da 1,35 milioni. Aiuti dall'istituto di credito.

(red.) Nel territorio comunale di Brescia si continua a lavorare per ripristinare le condizioni di sicurezza dopo il forte maltempo di sabato pomeriggio 11 luglio, con piante e alberi abbattuti ed edifici scoperchiati da raffiche di vento fino a 130 km orari. Nella giornata di ieri, lunedì 13 luglio, mentre i vigili del fuoco e la Protezione Civile continuavano a operare, l’assessore comunale al Bilancio Fabio Capra ha annunciato che la Loggia ha messo subito a disposizione 150 mila euro per i primi interventi e che nella riunione di Giunta verrà presentata una variazione di bilancio di 1,35 milioni di euro come fondo di riserva per le altre necessità connesse alle conseguenze del maltempo.

Nel frattempo, come detto, i lavori proseguono e oggi, martedì 14 luglio, riapriranno i cimiteri periferici. Al contrario, il Vantiniano resta ancora chiuso e così come è complessa la situazione al Castello. Intanto è stato deciso che fino a domani, mercoledì 15 luglio, le attività di “Sport al parco” restano sospese per mettere in sicurezza le aree verdi colpite dal maltempo. E sempre sul fronte dei danni, dopo che la consigliera regionale del Gruppo Misto Viviana Beccalossi ha annunciato di voler presentare una mozione a sostegno di Brescia, torna in campo anche Ubi Banca.

L’istituto di credito ha attivato un plafond di finanziamenti a favore di famiglie, imprese ed enti per riparare i danni. L’iniziativa, appoggiata dalla Provincia di Brescia, porta Ubi a mettere in campo 10 milioni di euro per l’erogazione di finanziamenti destinati a famiglie, imprese, artigiani e commercianti di tutte le realtà produttive e che potrà essere utilizzato mediante operazioni chirografarie a medio e lungo termine con durata massima di 5 anni,tasso dello 0,50%, azzeramento delle spese di istruttoria e incasso rata. Sul fronte della liquidità, resta l’impegno della Banca a concedere l’elasticità di cassa necessaria alle aziende.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.