Fratelli d’Italia, “Riaprire l’università, per la didattica e l’economia del centro”

Il partito davanti alla Statale chiede un sostegno ai commercianti della zona, e maggiore chiarezza.

(red.) Quest’oggi Fratelli d’Italia Brescia si trovava al fianco dei commercianti e dei ristoratori della zona università in San Faustino, i quali più di tutti hanno risentito della mancata riapertura degli spazi universitari. “Imbarazzante come il governo abbia taciuto riguardo al mondo accademico”, ha commentato il coordinatore cittadino Paolo Inselvini, “nonostante il grande sacrificio e l’ottimo lavoro compiuto dall’Università degli studi di Brescia durante il periodo emergenziale, non sappiamo ancora come i nostri studenti ripartiranno a settembre. Fratelli d’Italia chiede più coraggio al governo, tenendo chiuse le università non si danneggia solamente la qualità della didattica ma soprattutto tutta l’economia che ruota attorno a questo mondo. Gli studenti rappresentano il motore economico locale, sottovalutare questo aspetto significa non avere una visione chiara della ripartenza”.

Erano presenti al presidio di stamane anche il consigliere comunale di Fratelli d’Italia Gianpaolo Natali e diversi commercianti della zona tra cui Mauro Aragni, titolare del “POLENT-ONE BURGER BISTROT”. Di seguito le sue parole: “Siamo stati abbandonati in questa difficile situazione, diverse attività della zona sono in seria difficoltà ed alcune hanno già chiuso i battenti. Lo Stato e le Istituzioni devono sostenerci. Questa non è una battaglia dal colore politico ma una battaglia che riguarda tutti noi e il futuro della nostra città.”

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.