Centro Paolo VI, volontarie Croce Rossa si congedano: finita l’emergenza

Ieri l'ultimo giorno delle ventisei crocerossine dopo la dimissione dell'ultimo degli 85 pazienti alla fine di maggio.

(red.) Alla fine di maggio, nel momento in cui è proseguito il calo della curva dei contagi, dal centro pastorale Paolo VI di via Gezio Calini a Brescia, in città, è stato dimesso l’ultimo degli 85 pazienti ricoverati per il periodo di quarantena dopo il ricovero negli ospedali a causa della malattia da coronavirus. Quella di ieri, martedì 2 giugno, è stata un’altra giornata particolare per il centro pastorale nel momento in cui le ventisei addette della Croce Rossa che si sono occupate di assistere i pazienti si sono congedate, restituendo la struttura alle sue normali funzioni.

Era lo scorso 13 marzo, nelle fasi iniziali del periodo più drammatico dell’emergenza, quando la Diocesi di Brescia attraverso il vescovo monsignor Pierantonio Tremolada aveva concesso gratuitamente la struttura per i pazienti Covid.

Malati che erano stati ricoverati al Civile, così come alla Poliambulanza e nelle strutture del gruppo San Donato per poi terminare il periodo di guarigione in quarantena all’interno dell’edificio di via Calini. E ieri, con il congedo delle crocerossine si è assistito a un altro segno del ritorno alla normalità e con il centro Paolo VI che ritorna alle sue attività.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.