Piazza Arnaldo, sindaco Del Bono: “Per ora ordinanza resta così”

Ieri in commissione Commercio e Sicurezza si è affrontato quanto era avvenuto lo scorso 22 maggio in piazzale.

(red.) Ieri, lunedì 1 giugno, in video conferenza si è svolta una seduta delle commissioni consiliari Commercio e Sicurezza a palazzo Loggia a Brescia anche per discutere di quanto era successo lo scorso venerdì 22 maggio, con assembramenti e gente senza mascherine in piazza Arnaldo, nel cuore della movida. Immagini che hanno fatto poi il giro a livello nazionale, considerando che partivano da una delle province più colpite dalla pandemia. Nel corso della seduta in commissione, è stato invitato anche il comandante della Polizia Locale Roberto Novelli che ha presentato i numeri riferiti all’attività condotta dall’inizio dell’emergenza e fino allo scorso 24 maggio.

Si parla di 11 mila controlli effettuati per verificare il distanziamento e rispetto a un totale di più di 13 mila controlli che hanno portato anche a 1.123 sanzioni. Sono state 2.899, invece, le verifiche nei confronti degli esercizi commerciali portando a 39 sanzioni e 6 sospensioni delle licenze disposte dal prefetto. E sul territorio sono stati impiegati in totale fino a 285 uomini con una media di 50 pattuglie al giorno. Nel corso della seduta il sindaco Emilio Del Bono è stato interpellato dalle minoranze soprattutto su quanto accaduto in piazza Arnaldo e sulle misure più strutturali da adottare.

Infatti, per il momento nei fine settimana fino al 16 giugno si potrà consumare solo stando seduti ai tavolini dei locali. Una soluzione, che riguarda l’intero territorio comunale, che almeno nello scorso weekend ha dato i suoi risultati mantenendo l’ordine e la sicurezza. Ma il primo cittadino ha detto di volerla valutare per il periodo successivo, soprattutto per rispondere alle critiche di quei locali che si sentono penalizzati da questa ordinanza, visto che puntano in particolare sul servizio al bancone.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.