Brescia, due bonifici alla nuova compagna in punto di morte. Si indaga

Lo scorso autunno dal conto di un 70enne. Una figlia vuole vederci chiaro e ha portato ad aprire un'inchiesta.

Più informazioni su

(red.) Nei giorni precedenti a martedì 2 giugno in procura a Brescia sono stati sentiti alcuni testimoni nell’ambito di un’indagine aperta e di cui dà notizia Bresciaoggi. Si fa riferimento a due bonifici partiti dal conto corrente di un anziano residente in Valtrompia, nel bresciano, poi deceduto, verso la nuova compagna. A sollevare il caso alle forze dell’ordine e agli inquirenti è stata la figlia 40enne dell’uomo e che non ha mai visto di buon occhio la nuova compagna del padre.

L’uomo, 70enne, a causa di una malattia era stato portato in una struttura sanitaria prima del decesso. Ma la figlia ha informato i carabinieri di movimenti sospetti. Lo scorso autunno del 2019 e nel periodo vicino alla morte dell’uomo erano partiti due bonifici bancari da 2.500 e 1.500 euro all’indirizzo della nuova compagna. Una situazione che era stata segnalata alla figlia 40enne del correntista da parte del direttore dell’istituto di credito.

La sensazione, vista anche la malattia, è che l’uomo sia stato indotto da qualcuno ad autorizzare quel versamento. Il caso, dopo la segnalazione ai militari, ha raggiunto la procura di Brescia dove è stata aperta un’inchiesta per sostituzione di persona e indebito utilizzo di carte di pagamento. Nell’ambito dell’indagine saranno sentiti anche altri congiunti dell’uomo.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.