Quantcast

Brescia, troppa gente e senza distanza: Polizia chiude Campo Marte

Ieri pomeriggio alle 17,30 è dovuta intervenire la municipale per far uscire i troppi nello spazio verde.

(red.) Il videomessaggio del sindaco di Brescia Emilio Del Bono era stato chiaro nell’appellarsi ai cittadini per rispettare le regole nel primo fine settimana, tra sabato 9 e ieri, domenica 10 maggio, con il bel tempo che ha favorito le prime uscite dopo quasi due mesi di lockdown. Quel messaggio del primo cittadino era arrivato nel momento in cui sui social si erano diffuse diverse immagini di parchi e aree verdi presi d’assalto, a volte senza consentire il distanziamento sociale e tra chi non indossava nemmeno la mascherina. E ieri pomeriggio, domenica 10, si è avuta un’altra situazione del genere a Campo Marte che è stata la meta più prediletta dei bresciani, insieme al monte Maddalena che in molti hanno raggiunto in bicicletta o facendo jogging.

A un certo punto nel pomeriggio intorno alle 17,30, però, nel polmone verde cittadino di Campo Marte era evidente il notevole flusso di persone che non rispettavano le distanze e persino chi non indossava i dispositivi di protezione individuale. Per questo motivo si è reso necessario l’intervento della Polizia Locale che ha chiuso l’area verde facendo uscire le persone all’interno. Il disagio si è presentato per circa un’ora e subito dopo la situazione è tornata alla normalità.

In ogni caso e per fortuna è stato l’unico episodio particolare da segnalare in una domenica tranquilla che ha visto arrivare solo sei sanzioni da parte della Polizia municipale. Ieri sul territorio e ai confini cittadini erano presenti anche diverse pattuglie dei carabinieri e della Polizia di Stato. Anche nel resto della provincia, soprattutto sul lago d’Iseo e sul Garda dove si temeva l’afflusso nel primo fine settimana dopo la serrata totale, il weekend è proceduto regolarmente e senza problemi.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.