Parco passo Gavia bonificato, riapre il 24 maggio

Ieri il sopralluogo del sindaco Del Bono e dell'assessore Cominelli. 13.300 metri ripuliti dal pcb e che saranno restituiti ai cittadini del quartiere.

(red.) A Brescia vanno avanti le operazioni di bonifica degli spazi contaminati da pcb e da restituire ai cittadini nell’ambito del piano che vede anche risorse dal ministero dell’Ambiente. Ieri, mercoledì 20 marzo, il sindaco Emilio Del Bono e l’assessore all’Ambiente Miriam Cominelli hanno voluto effettuare un sopralluogo al parco di via Passo Gavia dove i lavori di bonifica si sono conclusi nelle ultime settimane. E’ stata anche l’occasione, da parte del primo cittadino, di segnalare che tutte le caratterizzazioni sono state concluse e ora resterà anche da capire, per gli spazi meno inquinati, se procedere con la bonifica o una semplice messa in sicurezza.

Ma al centro di tutto questo resta la situazione della Caffaro. A palazzo Loggia ci sono 35 milioni di euro, ma ne servono almeno il doppio per procedere su quel terreno e si partirà quindi per lotti. Nel frattempo sono partite le trattative per l’esproprio e subito dopo si punterà sulla demolizione del muro dello stabilimento e attivare la bonifica davanti all’impianto per creare una piazza e un parcheggio. L’obiettivo è di avere entro il 2020 una progettazione completa dell’intervento da eseguire.

Nel frattempo, come detto, ai primi di febbraio si sono conclusi i lavori di bonifica sui 13.300 metri quadrati al parco del Passo Gavia. Sarà restituito ai cittadini e ai residenti del quartiere Primo Maggio il prossimo 24 maggio. Sul luogo resta ancora da installare l’illuminazione a led e pulire il muro dai graffiti. L’intero spazio verde sarà poi curato da un’associazione per proporre eventi e iniziative.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.