Blitz sede FN, perquisizioni tra membri Mag 47

Gli agenti della questura di Brescia stanno indagando dopo l'atto vandalico in via Milano. Si analizzano le immagini riprese dalle telecamere sorveglianza.

(red.) Gli agenti della Digos della questura di Brescia stanno indagando sul blitz commesso in una notte nei giorni precedenti a lunedì 10 settembre alla sede di Forza Nuova in via Milano, in città. La vetrata dell’ingresso era stata mandata in frantumi e gli attivisti del movimento di estrema destra hanno postato tutto sui social network dando notizia di quanto era accaduto.

Gli inquirenti stanno analizzando le immagini riprese dalle telecamere di videosorveglianza presenti in zona per risalire agli autori dell’atto vandalico, anche se il partito ha deciso di non denunciare il raid. Nel frattempo, probabilmente dopo aver esaminato dopo i primi frame, gli agenti sono entrati sabato 8 settembre nelle case di quattro attivisti del centro sociale Magazzino 47 per condurre delle perquisizioni. Ma al momento non è arrivato alcun provvedimento. Intanto, lo stesso Magazzino ha voluto rimarcare il fatto che la sede di Forza Nuova in città avrebbe provocato delle tensioni sociali.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.