Domiciliari dopo strage Lamarmora. “Indignati“

La famiglia delle vittime dell'incidente di Ferragosto a Brescia attacca la decisione del tribunale Riesame per Michelangiolo Dusi: non andrà in carcere.

(red.) Tanta indignazione per una decisione ritenuta inspiegabile e senza rispetto. E’ lo stato d’animo che stanno vivendo i congiunti di Annina Breggia e del figlio Mauro Rossi, dopo che il tribunale del Riesame di Brescia ha concesso gli arresti domiciliari a Michelangiolo Dusi. Si tratta del motociclista che a Ferragosto, sotto l’effetto di alcol e sostanze stupefacenti, investì e uccise i due in via Lamarmora a Brescia.

La vedova di Mauro Rossi, Luisella Baiguini e la sorella Margherita, interpellati da Bresciaoggi, attaccano la decisione del giudice della libertà di non condurre in carcere l’uomo. Attualmente l’investitore si trova in ospedale dopo un intervento chirurgico seguito proprio a quell’incidente mortale, ma la convalescenza potrà trascorrerla tra le mura di casa. E i familiari delle vittime si dicono già pronti a dare battaglia, tanto da annunciare di volersi costituire parte civile al processo e di aver contattato un avvocato per chiedere una condanna di Dusi, riconoscendo l’omicidio stradale e l’aggravante del consumo di sostanze stupefacenti.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.