Quantcast

Al Cinema Sereno “Gelsomina Verde”, “A white white day” e “Man kind man”

Più informazioni su

Al Cinema Sereno di Brescia, Traversa Dodicesima Villaggio Sereno 158, telefono: 030 353 3126 ext. 13, per la rassegna “A tutto schermo” mercoledì 10 novembre alle ore 20,50 è in programma la proiezione di “Gelsomina Verde“. Regia: Massimiliano Pacifico. Biglietti: interi 5 euro. E’ gradita e consigliata la prenotazione: prenotazionicinemasereno@gmail.com. Oppure su WhatsApp 3534105256.
Il 21 novembre 2004 a Secondigliano è stato rinvenuto il corpo carbonizzato di una giovane donna di 22 anni, torturata e poi uccisa prima di consegnare lei e la sua automobile alle fiamme. Da allora la famiglia di Gelsomina Verde si è costituita parte civile e il fratello Francesco cerca “di darle degna sepoltura”. Massimiliano Pacifico ha sceneggiato con Dario De Natale e la consulenza di Francesco Verde un progetto che ripercorre la vicenda di Gelsomina, e ne filma la messa in scena affidandone la regia teatrale a Davide Iodice e l’interpretazione a cinque attori che attraversano metaforicamente un luogo dove “non c’è niente di normale”.

A white white day film

Sabato 13, domenica 14 e lunedì 15 novembre alle ore 20,50 viene proiettato “A white white day. Segreti nella nebbia“. Regia Hlynur Palmason. Con: Ingvar Eggert Sigurðsson, Ída Mekkín Hlynsdóttir, Hilmir Snær Guðnason. Biglietti: interi 6 euro; ridotti SociCoop SpiCgil 5 euro; Videoamici 4 euro; bambini e ragazzi fino a 17 anni 2 euro.
E’ gradita e consigliata la prenotazione: prenotazionicinemasereno@gmail.com. Oppure su WhatsApp 3534105256.

man kind man film

Per la rassegna “A tutto schermo” mercoledì 17 novembre alle ore 20,50 è in programma la proiezione di “Man kind man“. Regia di Iacopo Patierno. Biglietti: interi 5 euro. E’ gradita e consigliata la prenotazione: prenotazionicinemasereno@gmail.com. Oppure su WhatsApp 3534105256.
Due tartarughe marine Caretta Caretta, ritrovate spiaggiate nel litorale laziale, sono trasportate d’urgenza nell’ospedale delle tartarughe marine di Portici. Sono due degli oltre 150.000 esemplari che ogni anno restano intrappolati nelle reti da pesca nel mar Mediterraneo, circa 40.000 dei quali muoiono. Mentre le due tartarughe vengono curate, Luca raccoglie sabbia nel golfo di Napoli e cerca di pulirla dalla terra lasciata da una gara di motocross. La sabbia è la materia con cui realizza i suoi quadri. Una pagaia entra nelle acque cristalline del fiume Sarno: è Aniello che spinge il suo kayak verso i primi scarichi abusivi. Franco contempla il mare e raccoglie due petali di plastica trovati in spiaggia.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.