Quantcast

In pullmino il ritorno a casa dei tre

Più informazioni su

    emergencylogomini.jpgStanno rientrando a Milano da Francoforte su un veicolo noleggiato in Germania.


    (red.) Sembra non finire mai l'odissea dei tre operatori di Emergency, tra cui il chirurgo bresciano Marco Garatti, il cui rientro a casa dopo otto giorni di prigionia in Afghanistan (leggi) viene reso difficile dalla pessima situazione dei voli aerei sull'Europa, conseguenza dell'eruzione del vulcano islandese.
    Ora sono in viaggio da Francoforte verso Milano in pullmino. Lo ha reso noto l'organizzazione di Gino Strada.
    Garatti, Matteo Dell'Aira e Matteo Pagani sarebbero dovuti arrivare martedì a Roma da Dubai. Poi questa mattina all'aeroporto di Milano Linate da Francoforte. Viaggiano assieme all'ambasciatore Attilio Iannucci, ma il loro volo è stato annullato a causa della nube islandese.
    I tre erano partiti martedì all'alba da Kabul (leggi) con un volo commerciale, insieme con Iannucci, per Dubai. Da qui hanno raggiunto Francoforte. Nella città tedesca però hanno avuto la sorpresa della cancellazione del volo. Quindi la decisione di noleggiare un pullmino per arrivare a Milano.
    Il gruppo è quindi atteso nel capoluogo lombardo. Martedì Emergency aveva indetto una conferenza stampa dei tre operatori per le 14,30 presso la sua sede milanese. Ma l'appuntamento è stato annullato.

    Più informazioni su

    Commenti

    L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.