Quantcast

I volontari spostati a Kabul

Più informazioni su

    emergencylogomini.jpgSono stati trasferiti e oggi incontrano l'ambasciatore. Strada polemico col governo.


    garattimarco1.jpg(red.) Dopo la lettera del ministro degli Esteri Franco Frattini (leggi qui), e quella del presidente del Consiglio Silvio Berlusconi (eccola), Sono stati trasferiti a Kabul i tre medici italiani di Emergency arrestati dalle forze di sicurezza afgane con l'accusa di avere partecipato a un presunto complotto per l'uccisione del governatore della provincia di Helmand. 
    Il chirurgo bresciano Marco Garatti e i suoi colleghi Matteo Dell'Aira e Matteo Pagani ora sono nella capitale afgana, dove sono stati portati da Helmand. Venerdì è in programma la visita dell'inviato speciale per l'Afghanistan e il Pakistan del ministro degli Esteri, Attilio Iannucci, e dall'ambasciatore italiano a Kabul, Claudio Glaentzer. Ne dà notizia la Farnesina. Giovedì Iannucci aveva in programma un incontro con il presidente Karzai.
    Anche il rappresentante dell'Onu a Kabul, Staffan De Mistura, ha lanciato un appello a Karzai per chiedere che venga garantito il diritto alla difesa dei tre italiani e che l'inchiesta sia rapida.
    Polemico con il governo italiano il fondatore di Emergency Gino Strada: «Invito tutti a una riflessione: se tre cittadini di un'organizzazione umanitaria americana fossero stati trattenuti nelle celle dei servizi di sicurezza afgani per cinque giorni, senza alcun contatto, come avrebbero reagito gli Stati Uniti? Io credo che se fossero stati americani sarebbero stati liberi in 15 minuti».
    Secondo la Farnesina «Frasi e comunicazioni come quelle attribuite, da ultimo, a Gino Strada sarebbero da evitare nell'interesse dei connazionali la cui tutela è assoluta priorità del governo italiano».
    Ricordiamo che la cattura dei volontari è avvenuta sabato con il ritrovamento di armi ed esplosivi nell'ospedale di Lashkar-gah (leggi la notizia e guarda il video con il blitz). Poi la falsa informazione di una confessione in seguito smentita (leggi qui).

    Più informazioni su

    Commenti

    L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.