Quantcast

Conti: sequestrati beni per 8,5 milioni

Il provvedimento del gip di Roma contro il senatore bresciano sarebbe giustificabile, secondo l’accusa, per il mancato versamento dell’Iva relativa alla compravendita di un immobile.

Più informazioni su

(red.) Non è stata una bella giornata per il senatore bresciano del Pdl Riccardo Conti.
In seguito ad un operazione della guardia di finanza, infatti, a Conti sono stati sequestrati beni per un valore di 8milioni 500mila euro.  Mica bruscolini. La causa starebbe nel mancato versamento dell’Iva in seguito alla compravendita di un immobile in via della Stamperia a Roma attraverso l’immobiliare “Estate due” di Brescia.
L’immobile al centro della questione sarebbe stato acquistato e poi rivenduto nell’arco di una sola giornata, il 31 gennaio 2011, all’Enpap (Ente nazionale previdenza e assistenza psicologi). Il valore dei beni sequestrati sarebbe pari all’importo dell’ Iva che, secondo l’accusa, il senatore non avrebbe versato.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.