Quantcast

Terrorismo, “pericolo concreto a Brescia”

borghesi lega nord(red.) Il segretario provinciale Paolo Formentini e il deputato della Lega Nord Stefano Borghesi commentano il fermo del 30enne pakistano accusato di terrorismo.
“Il fermo del cittadino pakistano, operato dai ROS di Brescia, dimostra per l’ennesima volta come il pericolo del terrorismo di matrice islamica sia più che mai concreto anche nella nostra città. Questo personaggio era già stato colpito da provvedimento di espulsione a febbraio ma fino ad oggi è rimasto sul nostro territorio libero di poter organizzare attentati, è evidente che questo sistema non funziona e il livello di allerta deve essere innalzato. Il fenomeno dell’immigrazione è stato gestito in maniera pessima dal Governo Renzi e in particolare dal ministro Alfano che ha sottovalutato i rischi di una vera e propria invasione di clandestini, subìta senza regole in nome di un falso buonismo e una falsa solidarietà, che ha permesso l’ingresso anche di potenziali terroristi. I messaggi che questa maggioranza ha dato nel corso degli ultimi mesi con l’approvazione di ben cinque svuotacarceri ha accentuato la percezione che chiunque possa venire nel nostro Paese e fare qualsiasi cosa, compresa quella di commettere reati, correndo rischi minimi”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.