Quantcast

Girelli (Pd): «La Dia a Brescia? Ottima notizia»

Più informazioni su

girelli«»(red.) “Ottima notizia l’apertura di una sezione DIA a Brescia. Servono risorse umane e finanziarie per consentire una azione incisiva”.
Il Consigliere Regionale bresciano Gian Antonio Girelli, Presidente della Commissione Speciale Antimafia della Regione Lombardia, ha così commenta la costituzione a Brescia di una sezione della DIA, Direzione investigativa antimafia.
“L’ufficializzazione da parte del Procuratore Generale Dell’Osso della costituzione a Brescia di una sezione della DIA é davvero un’ottima notizia. Da tempo a vari  livelli si chiedeva che ciò avvenisse nella consapevolezza che il fenomeno mafioso ben presente in tutta la Lombardia, e in modo più che significativo a Brescia e provincia, avesse bisogno di questa realtà per poter essere efficacemente combattuto e sconfitto. É chiaro che ora si tratta di mettere a disposizione risorse umane e finanziarie per permettere alla Divisione di svolgere al meglio la sua attività. É altresì un ulteriore richiamo al senso di consapevolezza e responsabilità che istituzioni, realtà associative e cittadini devono sempre più assumere verso la mafia, l’illegalità e la corruzione. É una lotta che non si può solo delegare, ma intraprendere insieme”.
“Estromettere dalla politica e dalle istituzioni i disonesti, i collusi, i faccendieri, é più che mai urgente ed indispensabile”, ha aggiunto Girelli. Rompere quella fascia  grigia  dove si nasconde tanta omertà o “distrazione”, comportamenti apparentemente legali, ma in realtà profondamente disonesti, é indispensabile. Mi auguro che presto anche nella realtà bresciana molte Istituzioni manifestino la volontà di aderire ad Avviso Pubblico e sottoscrivano la Carta di Pisa. É un preciso impegno, un’assunzione di responsabilità, capaci di prevenire il malaffare e individuare le “mele marce” presenti sul territorio.”

 

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.