Stamina, M5S: «Bene l’indagine conoscitiva»

(red.) Il caso Stamina sarà oggetto di approfondimento con una indagine conoscitiva regionale. Lo strumento verificherà la correttezza e la trasparenza dell’attività della Regione nell’offrire il via libera al protocollo Stamina negli Spedali Civili di Brescia. Il fatto è stato commentato con soddisfazione dai banchi del Movimento 5 Stelle che da tempo chiedevano che si aprisse un’istruttoria.
Dario Violi, consigliere del Movimento 5 Stelle in Commissione regionale Sanità, spiega: «Le autoassoluzioni, del Presidente Maroni e dell’Assessore alla Sanità Mantovani», che ci tengono a ripetere che “la Regione non ha mai autorizzato nulla”, non ci bastano. Qualcuno deve pur aver dato il permesso per effettuare la sperimentazione proprio all’ospedale di Brescia, e poi perché proprio a Brescia, e all’accordo con Stamina Foundation. E su questo, come sul costo della sperimentazione, vogliamo vederci chiaro. Nell’offerta di sanità pubblica Regione Lombardia non può permettersi di garantire vie preferenziali a sperimentazioni senza sufficiente documentazione e senza trasparenza sulla regolarità delle convenzioni stipulate. Attendiamo, a breve, il via libera del Presidente del Consiglio Cattaneo all’indagine che sappiamo essere scontato».

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.