Lega: «La Kyenge incontri i bresciani»

(red.) Non è ancora arrivata a Brescia e già la visita del ministro Kyenge fa discutere.
Dopo il comunicato stampa di Casa Pound anche i parlamentari bresciani della Lega Nord hanno espresso le loro opinioni sualla visita del ministro programmata per venerdì 9 gennaio in una nota congiunta. «Il ministro dell’integrazione Kyenge sta sbagliando su tutti i fronti e la Sua politica relativa all’immigrazione e all’integrazione è totalmente contraria alla nostra gente ed alla nostra terra », esordiscono Raffaele Volpi, Stefano borghesi e il segretario provinciale Paolo Formentini.
I tre esponenti del Carroccio ne approfittano poi per ribadire la posizione di contrarietà allo “ius soli temperato”, proposto dalla Kyenge. «Restiamo fermamente convinti che non sia necessaria cambiare la legislazione sulla cittadinanza. La cittadinanza deve essere una conquista, il coronamento di un percorso d’integrazione vera, di accettazione delle nostre tradizioni e dei nostri valori. La Lega Nord di Brescia non solo da il suo parere in merito alle dichiarazioni fatte dal ministro in tempi passati e recenti, ma dice la sua anche in merito a quella che vede come una mancata tutela della nostra gente».
Infine concludono rivolgendosi direttamente al ministro: «Alla signora Kyenge la Lega Nord di Brescia chiede di venire in provincia con la disponibilità a conoscere i cittadini, comprendendone davvero i bisogni e le problematiche: in un momento di crisi oggi più che mai dobbiamo pensare alla nostra gente in difficoltà».

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.