Quantcast

Lonato, il M5S dice no alla centrale biogas

(red,) Proprio non ne vuole sapere di centrali a biogas il Movimento 5 Stelle. La sezione pentastellata del Basso Garda, con un comunicato stampa ha espresso la propria contrarietà al proprio no alla realizzazione della centrale a biogas di Lonato. Il progetto di costruzione della nuova centrale da 3 megawatt prevista in località Campagnoli dalla ditta Valli spa viene osteggiato in un comunicato dagli esponenti “grillini” di Bedizzole, Castiglione, Desenzano, Lonato, Montichiari, Padenghe e Sirmione.
I motivi di opposizione e di sostegno del Comitato Campagnoli contrario al progetto sono molteplici. «No perché è un impianto altamente inquinante – sottolineano i 5 Stelle -: le sole polveri sottili sono pari al passaggio in un tratto di 10 chilometri di 52.000 vetture al giorno; per alimentarlo devono arrivare in zona fino a 560 Tir al mese; permane la diffusione di odori, è rumoroso, produce ulteriori materiali di scarto». Ma anche «no perché è inserito in un contesto ambientale di particolare pregio e bellezza, è ad alto rischio di disastro ambientale, perché è inutile, perché l’alternativa ad impatto zero c’è».

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.