Quantcast

Lacquaniti: “Con i sindaci di Brescia contro gli F35”

Più informazioni su

(red.) «Aderisco all’appello presentato sabato 29 da alcuni sindaci della provincia di Brescia (Collebeato, Calvagese della Riviera, Malegno, Nave e Rezzato) per chiedere
lo stop all’acquisto dei cacciabombardieri F35».
Così, il deputato bresciano di Sel Luigi Lacquaniti, si esprime a sostegno dell’appello dei sindaci bresciani. «La contrarietà a questo progetto faraonico nasce da due motivazioni: la crisi economica e sociale che l’Italia sta affrontando e l’idea di Difesa
necessaria per il nostro paese.
Di fronte ai tagli lineari che hanno colpito la spesa pubblica negli ultimi anni (i fondi nazionali a carattere sociale sono passati da 1,594 miliardi del 2007 a 193 milioni di euro del 2012) l’investimento di almeno 14 miliardi di euro per l’acquisto di 90 F35 risulta essere uno schiaffo in faccia a disoccupati, cassaintegrati, esodati e a tutte quelle persone che stanno vivendo sulla propria pelle il dramma della crisi. Allo stesso tempo l’acquisto degli F35 (aereo in grado di trasportare ordigni nucleari), in totale contrasto con il ripudio della guerra inserito nell’articolo 11 della Costituzione, è figlio di un’idea arcaica di difesa della patria, visto che è ormai palese la necessità di pensare alla
creazione di una difesa comune europea, a sostituzione di quella nazionale».
Per queste motivazioni, Sinistra Ecologia Libertà lavorerà in Parlamento per creare un gruppo trasversale che annulli questa spesa.

 

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.